Qual è il ruolo della ricchezza nella società?

di • 3 Maggio 2019

... Cattive decisioni finanziarie, economiche o climatiche in un paese possono avere conseguenze catastrofiche per il resto del mondo ...

Originale su
bahaiteachings.org

Recentemente, in una conferenza, ho tenuto un discorso sul tema: Qual è il ruolo della ricchezza nella società? e desidero condividere qui alcune delle mie riflessioni.

La Casa Universale di Giustizia sottolinea che: Il benessere di ogni segmento dell’umanità è indissolubilmente legato al benessere di tutti. Vediamo che questa affermazione è più vera che mai. Con quattro miliardi di utenti di Internet in tutto il mondo e voli diretti in ogni angolo del pianeta, è sorprendente che ci sia ancora una mancanza di comprensione reciproca.

Invece che ridurre le distanze spesso scopriamo che si stanno creando nuove barriere, siano esse economiche, sociali o ideologiche. Cattive decisioni finanziarie, economiche o climatiche in un paese possono avere conseguenze catastrofiche per il resto del mondo. Il terrorismo internazionale e l’autocrazia stanno accentuando l’ingiustizia in tutte le sue forme.

Anche il divario tra ricchi e poveri aumenta. Nuove stime elaborate da Oxfam nel 2019 mostrano che appena otto uomini possiedono la stessa ricchezza della metà più povera del mondo.

Dove ci porterà questa situazione? Bahá’u’lláh afferma con enfasi:

Il merito dell’uomo è nel servizio e nelle virtù e non nello sfarzo dell’opulenza e della dovizia… Non sperperate i tesori delle vostre vite preziose ad incalzar affetti turpi e corrotti e non sprecate energie nel curare i vostri interessi personali. (Bahá’u’lláhTavole 126)

Una potente espressione di questo è nel mondo degli investimenti a impatto sociale, cioè investire in società il cui obiettivo non è solo quello di massimizzare il ritorno finanziario ma anche l’impatto sociale e ambientale. Un settore nel quale ho deciso di impegnarmi.

Questo fenomeno è cresciuto incredibilmente dall’essere un elemento marginale del sistema finanziario globale fino ad assumere una posizione in cui le principali società di investimento sono in competizione tra loro per attrarre esperti e clienti intorno ai loro nuovi prodotti finanziari a impatto sociale. Esistono prodotti di investimento in tutte le classi di attività che sono state sviluppate per soddisfare l’interesse crescente per questo tipo di investimenti, che si tratti di obbligazioni verdi, obbligazioni a impatto sociale oppure opportunità di investimento diretto. Inoltre, con il passare del tempo, stiamo assistendo a un sempre maggiore interesse da parte delle nuove generazioni per le opportunità di investimento più orientate all’impatto sociale.

È anche chiaro che il semplice dare soldi non è la soluzione, un pensiero stimolante per i filantropi e gli enti di beneficenza di tutto il mondo. La Casa Universale di Giustizia afferma:

Il cambiamento sociale non è un progetto che un gruppo di persone porta avanti a beneficio di altri. (Casa Universale di Giustizia, Riḍván 2010)

Allora cos’è che influenza il cambiamento sociale? Per me significa che dobbiamo dare alle persone la responsabilità, il che significa che dobbiamo aiutare le persone ad aiutare se stesse. Se, invece di essere viste come destinatarie di aiuti e sviluppo, le persone fossero considerate protagoniste attive del proprio futuro e del proprio sviluppo, il mondo sarebbe molto diverso.

Nel suo piccolo, l’organizzazione per cui lavoro, Impact Experience, cerca di operare con le persone nelle comunità emarginate perché prendano consapevolezza del proprio processo di trasformazione. Invitiamo gli investitori a incontrare i leader della comunità e a creare opportunità in cui la comunità venga coinvolta. Gran parte delle riunioni che organizziamo si concentra sulla natura spirituale dell’umanità e sulla costruzione della fiducia fra i nostri collaboratori e i nostri finanziatori. Finora, abbiamo lavorato in oltre 16 comunità, generato oltre 40 milioni di dollari americani di investimenti, coinvolto oltre 500 persone per costruire ponti attraverso le differenze e avviato e costruito progetti che servono le comunità.

Una delle maggiori sfide che abbiamo riscontrato, che è piuttosto interessante notare considerando le buone intenzioni delle persone che vogliono seriamente aiutare gli altri, è un pregiudizio implicito. Questo è un pregiudizio inconscio rispetto a persone che possono essere considerate ad alto rischio in virtù di determinati presupposti che facciamo su di loro. Ad esempio, in campo finanziario, su 34 trilioni di dollari investiti annualmente, meno del 2% va a società e fondi gestiti da donne o persone di colore. Se vogliamo pensare alla redistribuzione della ricchezza nella società dobbiamo prendere coscienza dei nostri pregiudizi impliciti e riconoscere le dinamiche di potere inerenti.

Recentemente un altro settore in cui ci siamo impegnati è quello noto negli Stati Uniti come Opportunity Zones. Si tratta di una nuova legislazione fiscale che comporta che se investi in alcune comunità a basso reddito negli Stati Uniti, ottieni una detrazione fiscale sui guadagni. Questa è una grande opportunità per dirigere maggiori capitali in aree che in precedenza non avrebbero attirato investimenti. Tuttavia la sfida è che se questi investimenti vengono fatti senza coinvolgere i leader delle comunità locali ci possono essere conseguenze impreviste, come la gentrificazione, che privilegia i ricchi a spese dei poveri. Pertanto, abbiamo lavorato con le comunità delle zone di opportunità per coinvolgerle nella definizione di accordi all’interno delle loro comunità a beneficio dei bisognosi.

Quando pensiamo alla ricchezza spesso pensiamo solo alla ricchezza monetaria, ma penso che sia importante espandere il concetto di ricchezza da acquisizioni puramente materiali per includere anche la ricchezza culturale e spirituale.

Prendiamo in considerazione questo passo dagli scritti di Abdu’l-Bahá:

…la felicità, la grandezza, il rango e lo stadio, la soddisfazione e la pace di una persona non sono mai dipese dalle ricchezze personali, ma dall’eccellenza del carattere, dalla nobiltà delle decisioni, dalla profondità della cultura e dalla capacità di risolvere difficili problemi. (‘Abdu’l-BahaIl segreto della civiltà divina 18)

Quindi possiamo vedere che la ricchezza può trovarsi nell’educazione, nella conoscenza, nelle arti, nel carattere: queste sono tutte manifestazioni essenziali della ricchezza e prerequisiti essenziali per la creazione di un mondo migliore.

In tutto il lavoro di Impact Experience ci impegniamo attivamente con artisti e abbiamo una partnership con un’iniziativa denominata Culture Bank mirata ad investire in imprenditori artisti e allo sviluppo di beni culturali nella società. Attualmente sto anche esplorando un’entusiasmante iniziativa incentrata sul sostegno di musicisti ispirati spiritualmente.

Quindi, in conclusione, cosa possiamo fare?

Possiamo considerare quale ricchezza abbiamo acquisito, che sia in denaro, istruzione, illuminazione spirituale, abilità, influenza o qualsiasi altra forza, e determinare come possiamo usare attivamente questa ricchezza per spronare la società a diventare autosufficiente. Possiamo anche continuare ad esplorare i nostri pregiudizi e osservare l’influenza che hanno sul nostro processo decisionale.

Il nostro tempo è caratterizzato dalla perdita di fiducia nel sistema governativo ed economico e le persone sono alla ricerca di alternative. Possiamo scegliere: dobbiamo disperarci e concentrarci sulle forze negative della disintegrazione o dobbiamo scegliere di impegnarci positivamente, sapendo che possiamo solo fare del nostro meglio?

Non vedo l’ora di impegnarmi ulteriormente su questi temi e di ascoltare i pensieri e le reazioni delle persone su questo argomento.

Se questo articolo vi è piaciuto potete ricevere tempestivamente informazioni sui prossimi con i seguenti link: la nostra Newsletter, like sulla nostra pa­gi­na Facebook, follow su Twitter.

Se ritenete che queste considerazioni possano essere un contributo utile alla riflessione di altre persone condividete l’articolo sui social network usando i pulsanti che trovate qui in fondo.

Queste sono opinioni puramente personali e non rappresentano l’opinione della comunità bahá’í o di qualunque sua istituzione. Gli scritti bahá’í invitano ogni singolo ad una libera ed indipendente ricerca:

O FIGLIO DELLO SPIRITO!
Ai Miei occhi la più diletta di tutte le cose è la Giustizia; non allontanartene se desideri Me, e non trascurarla acciocché Io possa aver fiducia in te. Con il suo aiuto ti sarà possibile discernere coi tuoi occhi e non con gli occhi degli altri, e apprendere per cognizione tua e non con quella del tuo vicino. Pondera ciò nel tuo cuore, come t’incombe d’essere. In verità la Giustizia è il Mio dono per te e l’emblema del Mio tenero amore. Tienila adunque innanzi agli occhi.
(Bahá’u’lláhParole Celate, Arabo, n.2)

Print Friendly, PDF & Email