Costruire una società unita rispettosa della diversità

Possiamo ora comprendere il significato del termine ordine nel concetto di nuovo ordine mondiale. Bahá’u’lláh insegna che l’ordine sociale non può essere basato solo sulla razionalità scientifica e strumentale ma necessita anche di principi morali e della guida divina.

di Nader Saiedi
Originale in inglese su bahaiteachings.org

Terzo articolo della serie: Svelare Il segreto della civiltà divina

Articolo precedente: Raggiungere l’unità a livello globale

Costruire una società unita rispettosa della diversità

L’intera struttura della Fede bahá’í si fonda sul concetto di unità nella diversità come fondamento per la realizzazione dell’unità del genere umano.

La visione di Bahá’u’lláh per questa civiltà globale emergente è sintetizzata nel suo invito ad un nuovo ordine mondiale. L’analisi che  ‘Abdu’l-Bahá fa della modernità e dello sviluppo nel suo libro Il segreto della civiltà divina non è altro che un approfondimento sociologico e politico di questo concetto di nuovo ordine mondiale.

Questo è il motivo per cui ritengo utile esaminare il significato di questo termine. Naturalmente le implicazioni del concetto di Bahá’u’lláh di nuovo ordine mondiale vanno ben oltre l’ambito di questi brevi articoli. Di fatto tutti gli insegnamenti e i principi della Fede bahá’í portano verso di esso. Inoltre il suo significato è qualitativamente diverso rispetto a quello che assume nell’uso che ne fanno alcuni politici e autori contemporanei.

Bahá’u’lláh ha scritto molto sulle condizioni sociali e spirituali che portano ordine. Anche ‘Abdu’l-Bahá, nel suo libro Il segreto della civiltà divina, tratta esplicitamente il tema dell’ordine. L’ordine comprende anche la questione fondamentale della teoria politica e sociale per il semplice motivo che la vita sociale e l’organizzazione collettiva richiedono un qualche ordine che regoli il comportamento degli individui nella società. Non può esistere una società senza ordine o, detto in altro modo, l’ordine è una precondizione necessaria per l’esistenza stessa di una società.

Per questa ragione, la questione dell’ordine è stata la prima questione sistematica della moderna teoria politica occidentale. La teoria politica moderna deriva dagli scritti politici di Thomas Hobbes, risalenti al XVII secolo. La domanda posta da Hobbes è comunemente chiamata problema hobbesiano dell’ordine. Hobbes nel suo famoso libro Leviathan ha esaminato le basi dell’ordine nella società. Secondo Hobbes, gli esseri umani sono per natura egoisti, aggressivi e concentrati sul perseguimento dei propri interessi. Pertanto, afferma Hobbes, allo stato naturale gli esseri umani utilizzano qualsiasi mezzo pur di ottenere ciò che vogliono e non si astengono da furti o omicidi. Di conseguenza nella condizione naturale non ci può essere alcun ordine ma solo una guerra perpetua di tutti contro tutti. Con una frase rimasta celebre, Hobbes dice che la vita è “solitaria, triste, brutale e corta”.

Dunque la soluzione di Hobbes al problema dell’ordine si fonda sulla sua concezione della natura umana. Per lui gli esseri umani sono egoisti ma razionali. Con il termine razionale, Hobbes intende che le persone cercano di massimizzare il piacere riducendo al minimo i costi. In altre parole esse seguono i propri interessi egoistici con efficienza ed efficacia. Poiché gli esseri umani sono razionali, capiscono che lo stato di natura è dannoso e contrario ai loro interessi. Pertanto, spinti dall’egoismo, essi decidono di impegnarsi in un contratto sociale per creare leggi e istituzioni politiche tali che la paura della punizione da parte di uno stato forte impedisca agli individui egoisti di commettere atti criminali. L’ordine, dunque, è il prodotto della paura della punizione e della coercizione. La teoria hobbesiana ha ispirato la filosofia illuminista del XVIII secolo. I filosofi illuministi hanno confermato i principi fondamentali della teoria hobbesiana dell’ordine anche se non approvavano il carattere dittatoriale dello stato.

L’inadeguatezza di questa concezione razionalista dell’ordine è diventata sempre più evidente nella sociologia e nella teoria politica del XIX secolo. Le moderne teorie sociali e politiche non solo affermano il carattere normativo e simbolico dell’azione e della motivazione umana, ma hanno anche riconsiderato la relazione delle persone all’interno della società in termini di nuove idee come la solidarietà, il legame comune, la religione comune, i valori condivisi, la cultura condivisa, la legalità e l’integrazione normativa.

Il concetto di ordine di Bahá’u’lláh va dunque compreso nei termini di questo problema teorico. Nei suoi scritti Egli ha sottolineato che un sistema di ricompensa e punizione è condizione necessaria, ma non sufficiente, per il mantenimento dell’ordine sociale. L’ordine sociale non richiede solo ricompensa e punizione, ma anche valori morali interiorizzati, fede religiosa e amore per l’umanità.

Sorprendentemente l’analisi che Bahá’u’lláh fa del concetto di ordine risulta esattamente opposta al concetto occidentale illuminista. Per quest’ultimo la ragione, con il suo orientamento egoistico, garantisce l’ordine sociale ed elimina la necessità della religione e della guida divina nella vita degli esseri umani. In altre parole la teoria dell’ordine nell’Illuminismo comporta un totale rifiuto della religione e dei valori spirituali. Bahá’u’lláh, al contrario, concepì la questione dell’ordine come una prova della necessità della religione e della rivelazione divina nella storia umana:

Nel formulare i principi e le leggi, una parte è stata dedicata alle penalità, efficace strumento per la sicurezza e la protezione degli uomini. Ma il timore della punizione impedisce alle persone di commettere atti vili e spregevoli solo esteriormente, mentre ciò che protegge e frena l’uomo tanto esteriormente quanto interiormente è stato e ancora è il timor di Dio. Esso è il vero protettore e custode spirituale dell’uomo. (Bahá’u’lláh, Tavole 86)

Altrove egli ha scritto:

In verità, la religione è luce radiosa e invincibile maniero per la protezione e il benessere dei popoli del mondo, perché il timor di Dio costringe l’uomo ad aggrapparsi a ciò che è bene e a schivare il male. Ove la lampada della religione si spegnesse, nascerebbero caos e confusione e le luci dell’equità e della giustizia, della tranquillità e della pace cesserebbero di brillare. (Bahá’u’lláh, Tavole  114)

In altri suoi scritti Bahá’u’lláh chiede ai credenti di osservare la legge e i comandamenti divini per amore della bellezza divina.

Possiamo ora comprendere il significato del termine ordine nel concetto di nuovo ordine mondiale. Bahá’u’lláh insegna che l’ordine sociale non può essere basato solo sulla razionalità scientifica e strumentale ma necessita anche di principi morali e della guida divina.

Articolo successivo: Tre principi per creare un nuovo ordine mondiale

Se questo articolo vi è piaciuto potete ricevere tempestivamente informazioni sui prossimi con i seguenti link: la nostra Newsletter, like sulla nostra pagina Facebook, follow su Twitter.

Se ritenete che queste considerazioni possano essere un contributo utile alla riflessione di altre persone condividete l’articolo sui social network usando i pulsanti che trovate qui in fondo.

Queste sono opinioni puramente personali e non rappresentano l’opinione della comunità bahá’í o di qualunque sua istituzione. Gli scritti bahá’í invitano ogni singolo ad una libera ed indipendente ricerca:

O FIGLIO DELLO SPIRITO!
Ai Miei occhi la più diletta di tutte le cose è la Giustizia; non allontanartene se desideri Me, e non trascurarla acciocché Io possa aver fiducia in te. Con il suo aiuto ti sarà possibile discernere coi tuoi occhi e non con gli occhi degli altri, e apprendere per cognizione tua e non con quella del tuo vicino. Pondera ciò nel tuo cuore, come t’incombe d’essere. In verità la Giustizia è il Mio dono per te e l’emblema del Mio tenero amore. Tienila adunque innanzi agli occhi. (Bahá’u’lláhParole Celate, Arabo, n.2)

Print Friendly, PDF & Email
2017-12-17T05:51:35+00:0025 agosto 2017|Categorie: Società|Tags: , , , , |

Scrivi un commento

Ricevi aggiornamenti per email

Scrivici

Archivi