L’avanzamento dei lavori nel Tempio cambogiano ispira azioni collettive

BATTAMBANG, Cambogia, 16 settembre 2016 — Sono trascorsi otto mesi dall’avvio dei lavori di costruzione della Casa di culto baha’i locale a Battambang.

Una giornata dedicata a piantare nuovi alberi

Lunedì 12 settembre, oltre 150 persone si sono riunite per una giornata dedicata a piantare nuovi alberi

Dopo la posa della prima pietra lo scorso novembre e il completamento degli scavi in marzo, sono state costruite le strade di accesso e sono stati scavati gli stagni e le fondamenta. Ha avuto inizio anche la costruzione dell’edificio centrale, il cui progetto è stato presentato il 17 luglio 2015.

Nuovi filmati, che mostrano l’avanzamento dei lavori e un progetto di rimboschimento, sono disponibili presso news.bahai.org/story/1120.

Parallelamente ai lavori di costruzione ci sono state molte attività mirate al progresso materiale e spirituale della comunità attorno a Battambang. Ispirate dalla Casa di culto, le attività si sono moltiplicate e uno spirito di preghiera e devozione ha sempre più permeato la zona.

Mentre i lavori di costruzione sono progrediti rapidamente, la partecipazione degli abitanti del luogo al volontariato sul territorio del Tempio ha dimostrato che lo sviluppo della Casa di culto è un’impresa collettiva. Decine di bambini, giovani e adulti hanno offerto tempo ed energie ai progetti sul territorio del Tempio.

Lunedì 12 settembre oltre 150 persone si sono riunite per una giornata dedicata a piantare nuovi alberi.

«È stata una giornata perfetta per il progetto», ha detto Daravuth Keo, rappresentante della comunità baha’i in Cambogia. «Il terreno era bagnato e pronto per le piante. Prima abbiamo pregato tutti assieme. Poi abbiamo discusso lo scopo e il significato del progetto. Le persone hanno formato varie squadre. Alcuni hanno piantato gli alberi, altri hanno lavorato nel vivaio e altri hanno svolto altri compiti».

Piante di arancio, avocado, papaya, limone e cocco sono state trapiantate accanto a salici piangenti, fiamme della foresta, code di volpe, code di topo e alberi dai fiori gialli. Solo quel giorno sono stati piantati circa 150 alberi.

I giovani hanno svolto un ruolo particolarmente importante nello stimolo della solidarietà comunitaria e nella fioritura di iniziative di servizio a Battambang.

«Durante l’evento della piantagione di alberi, abbiamo parlato con un folto gruppo di giovani, che hanno espresso le loro riflessioni», ha spiegato il signor Daravuth. «Molti giovani hanno detto che le attività comunitarie hanno fornito loro l’occasione per servire la società, hanno contribuito a costruire la loro capacità di offrire educazione morale ai bambini e ai ragazzi più giovani e li hanno aiutati a capire assieme agli altri varie cose da fare per migliorare il mondo.

«Alcuni hanno detto che questo li ha incoraggiati a tenersi lontani dalla droga, a concentrare le energie sulla costruzione dell’unità, sullo sviluppo della comunità e a camminare con gli altri su un percorso di servizio».

Si prevede che la Casa di culto a Battambang sia completata entro la fine del 2017. È una delle cinque località che nel 2012 erano state designate dalla Casa Universale di Giustizia per avere un Casa di culto locale baha’i.

Per leggere l’articolo online, visualizzare una presentazione delle fotografie e accedere ai link si vada a: http://news.bahai.org/story/1120.

Print Friendly, PDF & Email
2016-10-30T02:09:43+00:0017 settembre 2016|Categorie: Notizie|Tags: , , , , , , |

Scrivi un commento

Ricevi aggiornamenti per email

Scrivici

Archivi