Siete tutti foglie di un unico albero e gocce di uno stesso oceano. - Bahá’u’lláh

Forzata chiusura di negozi in Iran su una scala senza precedenti

7 novembre 2016, (BWNS) — Oltre cento aziende appartenenti a bahá'í in varie città dell'Iran, tra cui Sari, Ghaemshahr e Bandar Abbas, sono state chiuse dalle autorità iraniane dopo che avevano temporaneamente sospeso le attività per osservare le Festività bahá'í del 1° e del 2 novembre.

2016-11-08T05:03:27+00:00 martedì 8 novembre 2016|Categories: Notizie|Tags: , , , |0 Commenti

Un sacerdote coraggioso divide la pittura, promuove l’unità

Con questo ultimo gesto, l’ayatollah Tehrani coglie il desiderio di molti dei suoi concittadini che auspicano «un futuro in cui questa terra non appartenga solo a una certa religione, classe, etnia, o ideologia, ma appartenga a tutti gli iraniani, senza alcuna discriminazione».

2016-11-05T03:02:32+00:00 sabato 5 novembre 2016|Categories: Notizie|Tags: , , , |0 Commenti

Proteggere donne e ragazze dagli abusi e dalle sofferenze

Noi facciamo tutto questo con gioia e felicità perché crediamo che nell’uguaglianza tra i sessi, nell’unità del genere umano e rispondiamo all’esortazione degli insegnamenti bahá’í di aiutare ogni vittima dell’oppressione.

La Bahá’í International Community si appella al Presidente Rouhani per porre fine alla sistematica oppressione economica

New York, 6 settembre 2016, (BWNS) – La Baha’i International Community si è appellata al Presidente dell’Iran, dottor Hassan Rouhani, affinché ponga fine alla grave oppressione economica imposta ai baha’i di quel Paese.

Altre voci dai paesi islamici chiedono all’Iran di smettere di perseguitare i bahá’í

Dodici avvocati del Bangladesh si aggiungono ad un crescente numero di capi religiosi, studiosi e attivisti dei diritti umani musulmani di tutto il mondo che hanno deciso di parlare pubblicamente contro la recente persecuzione sistematica dei baha’i da parte dell'Iran.

2016-10-30T02:09:45+00:00 lunedì 18 luglio 2016|Categories: Notizie|Tags: , , , , , |0 Commenti

La reazione all’incontro con una bahá’í espone la verità

NEW YORK, 19 maggio 2016, (BWNS) — Una tempesta di furiose denunce, in reazione a un semplice incontro tra due amiche in una casa privata, ha drammaticamente esposto la doppiezza delle autorità iraniane le quali hanno ripetutamente affermato che il loro trattamento dei bahá’í non è motivato da pregiudizi religiosi.

Il Senato degli Stati Uniti d’America approva la risoluzione 148 che condanna le persecuzioni della comunità bahá’í in Iran

Approvazione di questa risoluzione con forte supporto bipartisan. La situazione dei diritti umani, e dei bahá’í in particolare, è peggiorata negli ultimi due anni, da quando il presidente Hassan Rouhani è entrato in carica. Questa risoluzione porta il governo iraniano a conoscenza del fatto che gli occhi del mondo lo stanno osservando.

2016-10-30T02:10:01+00:00 domenica 20 dicembre 2015|Categories: Notizie|Tags: , , , , |0 Commenti