Conferenze sulla pace nel Bahrain

La strada verso la pace è lunga e difficile, ma non è inutile percorrerla.

MANAMA, Bahrain, 8 gennaio 2016, (BWNS)

9 dicembre 2015 – Partecipanti alla conferenza della dott.ssa El-Hady’s
sul ruolo delle donne nella costruzione della pace.

La strada verso la pace è lunga e difficile, ma non è inutile percorrerla. Questo è stato tra i principali messaggi offerti dalla dottoressa Sawsan El-Hady nei discorsi che ha pronunciato l’8 e il 9 dicembre, nel Bahrain.

Studiosa egiziana della lingua araba e sostenitrice della causa della pace per tutta la vita, la dottoressa El-Hady ha parlato a un centinaio di persone — accademici, autori, rappresentanti di ONG — nei due giorni della sua visita. I suoi discorsi, che sono stati seguiti da vivaci discussioni tra i partecipanti, hanno esaminato temi come la promozione della pace alla base, il ruolo dell’individuo nella promozione di una società armoniosa e il prezioso contributo delle donne alla pace.

Pur riconoscendo le sfide formidabili che l’umanità deve affrontare, i discorsi della dottoressa El-Hady hanno offerto una promettente visione del futuro. Ma molto, ha sostenuto la dottoressa, dipende dalla costruzione delle basi per una coesistenza armoniosa tra le diverse popolazioni.

«Per creare una società caratterizzata dalla coesistenza pacifica occorre uno sforzo persistente», ha detto.

Il progresso verso la pace, ha spiegato, non potrà raggiungere il proprio obiettivo senza affrontare la questione della giustizia nella società.

Ha parlato anche dell’importanza di creare un’unità, basata sul riconoscimento della nostra comune umanità.

«L’unità, uno dei requisiti della pace, assume un significato nella consapevolezza del valore della nostra diversità e nell’apprezzamento dei doni unici che ogni persona offre al mosaico dell’umanità».

9 December 2015 – Bahrain Society for Sociologists
La Dott.ssa El-Hady durante un discorso sul

contributo delle donne alla costruzione della pace

Il movimento verso una società più pacifica richiede una rivalutazione del ruolo della religione, ha ulteriormente spiegato la dottoressa El-Hady. Anche se la religione è stata distorta e usata per fini nocivi, la dottoressa ha affermato che essa può cambiare i modelli del pensiero e dell’azione, instaurare un senso di identità umana comune e promuovere un carattere morale e una visione universale.

La dottoressa El-Hady, che è baha’i, è una delle prime donne che si è laureata nell’Università Al-Azhar del Cairo, un’istituzione rinomata per essere la più antica università in Egitto e considerata da molti come il principale centro di letteratura araba e di cultura islamica nel mondo. Durante la sua brillante carriera la dottoressa El-Hady ha contribuito a introdurre programmi arabi nelle università di diversi paesi. Le sue conferenze sono state organizzate in collaborazione con la Società baha’i del Bahrain, un’ONG di ispirazione baha’i che promuove la pace e l’armonia sociale.

Queste conferenze fanno parte di un discorso crescente nel Bahrain sulla convivenza pacifica.

Se ritenete che queste considerazioni possano essere un contributo utile alla riflessione di altre persone condividete l’articolo sui social network usando i pulsanti che trovate qui in fondo.

Se siete interessati a questo blog potete ricevere tempestivamente informazioni sui prossimi articoli con i seguenti link: la nostra Newsletter, like sulla nostra pagina Facebook, follow su Twitter

Baha’i World News Service – Trovate l’articolo originale in inglese al link: http://news.bahai.org/story/1093

Print Friendly, PDF & Email
di | 2016-10-30T02:09:56+00:00 9 gennaio 2016|Categorie: Notizie|Tags: , , , |

Scrivi un commento

Ricevi aggiornamenti per email

Scrivici

Archivi